-bile

–bì|le
suff.
dal lat. -bĭle(m).


1. forma produttivamente aggettivi deverbali in cui indica possibilità, attitudine, opportunità: cantabile, credibile, deformabile, digeribile, staccabile, utilizzabile; nei derivati da verbi della prima coniugazione è preceduto da a: amabile, nei derivati da verbi delle altre coniugazioni da i: accendibile, udibile; è presente in aggettivi di origine latina o derivati dal tema del supino latino: accessibile, bevibile, memorabile, tangibile, visibile 2. rar., in aggettivi derivati da verbi intransitivi, indica che qcn. o qcs. può fare o fa abitualmente ciò che è espresso dal verbo: deperibile, mutabile, volubile 3. in aggettivi, spesso sostantivati, derivati da sostantivi o da aggettivi, indica possibilità, attitudine, opportunità: azzurrabile, papabile 4. in aggettivi e sostantivi denominali, indica strada, pista, tracciato che possono essere percorsi dal tipo di veicolo indicato dal sostantivo di base: camionabile, carrabile, ciclabile, rotabile 5. in sostantivi e aggettivi denominali, indica che qcn. e qcs. può essere collocato nel luogo, anche fig., indicato dal sostantivo di base: tascabile
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità