-tivo

–tì|vo
suff.
dal segmento -tivo in voci dotte da deverbali lat. in -ivus, v. anche -ivo, del tipo laudativo, purgativo.


suff. è presente in aggettivi di origine latina di tradizione dotta e forma aggettivi deverbali che indicano relazione con il verbo di base, alcuni dei quali sono usati anche come sostantivi: accrescitivo, alternativo, amministrativo, approssimativo, decorativo, deprecativo, educativo, escoriativo, esemplificativo, fecondativo, fuggitivo, generativo, investigativo, lavorativo, negativo, proibitivo, punitivo, purgativo, ripetitivo; nei derivati da verbi della 1ª coniugazione è preceduto da a: limitativo; nei derivati da verbi delle altre coniugazioni da i: volitivo, conoscitivo, sbalorditivo, volitivo | forma un ristretto numero di sostantivi e aggettivi denominali e deaggettivali, spec. di formazione moderna, con valore di nomi d’azione: deflativo, idoneativo, inflattivo | è usato nella forma femminile sostantivata per derivare sostantivi deverbali per lo più astratti: aspettativa, immaginativa, iniziativa
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità