labbro

làb|bro
s.m.
sec. XIII; lat. labru(m).


1. FO ciascuno dei due margini carnosi di colore rosso rosato, che circoscrivono l’apertura della bocca: avere labbra sottili, grosse, screpolate, tenere una sigaretta tra le labbra, passarsi il rossetto sulle labbra, labbro inferiore, superiore, spaccarsi un labbro, atteggiare le labbra a un sorriso, baciare sulle labbra; mettersi un dito, l’indice sulle labbra, per invitare a fare silenzio; stringere, serrare le labbra, in segno di disappunto o di caparbietà | TS anat. ciascuna delle due pieghe muscolomembranose che costituiscono la parete anteriore del vestibolo della bocca dei mammiferi, ne circoscrivono l’apertura e ne ricoprono i denti facilitando il movimento respiratorio, la presa del cibo e, nell’uomo, l’articolazione dei suoni del linguaggio
2. FO estens., bocca: accostare il bicchiere, il cibo alle labbra; con riferimento alla bocca in quanto organo del linguaggio: le sue labbra non hanno mai proferito una bestemmia, una simile calunnia non uscirà mai dalle sue labbra, vorrei sentirlo dalle sue labbra; addormentarsi, morire con il nome di qcn. sulle labbra, proferendo il nome di qcn.; avere un nome, una parola sulle labbra, essere sul punto di pronunciarli; quello che ha nel cuore ha sulle labbra, avere il cuore sulle labbra, parlare con sincerità
3. TS mus. gerg., potenza e capacità espressiva di un suonatore di strumenti a fiato
4. TS anat. qualunque formazione anatomica, avente forma di labbro, situata ai margini di un’apertura | al pl., pieghe cutanee degli organi genitali femminili esterni: grandi, piccole labbra
5. FO ciascuno dei due margini di una ferita
6a. BU fig., orlo o margine rilevato e tondeggiante: labbro di una tazza, di un vaso
6b. TS arch. orlo superiore di vasche marmoree come fontane, fonti battesimali, arche funerarie e sim. | vera di un pozzo
7. TS geol. ognuna delle due pareti di una faglia
8. TS bot. una delle due parti in cui si divide il lembo nelle corolle, nei calici e nei perigoni i cui costituenti sono concresciuti in un unico pezzo
9. TS legat. lembo di carta che esce, nel taglio anteriore, dalla misura normale del libro intonso
10. CO al pl., ganasce
11. OB LE palpebra: li occhi lor, ch’eran pria pur dentro molli | gocciar su per le labbra, e ’l gelo strinse | le lagrime tra essi e rinserrolli (Dante)

Polirematiche

a fior di labbra
loc.avv.
CO
sussurrando, accennando appena le parole: mormorare a fior di labbra | leggermente, poco: ridere, sorridere a fior di labbra
bagnarsi le labbra
loc.v.
CO
bagnarsi la bocca
labbro leporino
loc.s.m.
CO
malformazione congenita per cui il labbro superiore presenta una fenditura verticale più o meno accentuata nel mezzo
leccarsi le labbra
loc.v.
CO
leccarsi le dita.
leggere le labbra
loc.v.
CO
leggere sulle labbra
leggere sulle labbra
loc.v.
CO
riuscire a capire le parole pronunciate da qcn. dal movimento delle sue labbra
mordersi le labbra
loc.v.
BU
mordersi la lingua
morire sulle labbra
loc.v.
CO
di sorriso, svanire di colpo | di parola, non riuscire a terminarla.
pendere dalle labbra
loc.v.
CO
ascoltare con grande attenzione le parole di qcn. o attenderle con ansia: i nipotini pendevano dalle labbra del nonno.
piccole labbra
loc.s.f.pl.
TS anat.
le due piccole ripiegature cutanee, prive di peli, che circondano il vestibolo della vagina  
scottare le labbra
loc.v.
CO
di parola, frase o discorso, non poter essere trattenuto: quel “no” gli scottava le labbra.
storcere le labbra
loc.v.
BU
arricciare il naso.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità