rabarbaro

ra|bàr|ba|ro
s.m.
av. 1493; dal gr. rhâ bárbaron, var. di rhêon bárbaron, comp. di rhêon “rabarbaro” e bárbaros “straniero”, con allusione alla provenienza orientale.


1. CO erba perenne con foglie molto grandi e piccoli fiori verdastri | TS bot.com. nome comune delle piante del genere Reo | TS bot.com. => rabarbaro cinese
2. TS bot.com. => radice di rabarbaro
3. CO liquore amaro e digestivo, preparato con il rizoma polverizzato del rabarbaro cinese: bere un rabarbaro

Polirematiche

rabarbaro cinese
loc.s.m.
TS bot.com.
pianta del genere Reo (Rheum officinale) originaria del Tibet e della Cina, il cui rizoma è utilizzato in farmacia spec. per le sue proprietà digestive e purgative, e nella preparazione di liquori, caramelle, ecc.
rabarbaro dei contadini
loc.s.m.
TS bot.com.
1. => frangola
2. pianta della famiglia delle Ranuncolacee (Thalictrum flavum) usata in medicina popolare per le sue proprietà purgative e diuretiche.
radice di rabarbaro
loc.s.f.
TS bot.com.
rizoma del rabarbaro cinese da cui si ricavano liquori, tinture e preparati farmaceutici ad azione digestiva e purgativa
tintura di rabarbaro
loc.s.f.
TS farm.
t. ottenuta per percolazione di polvere di radice di rabarbaro, usata come eupeptico
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità