1s

s
s.f. e m.inv.

CO
1a. diciannovesima lettera dell’alfabeto (diciassettesima dell’alfabeto scolastico), il cui nome è esse: s minuscola, S maiuscola | nell’ortografia italiana corrisponde a due suoni consonantici distinti: la fricativa dentale sibilante sorda /s/ (rosso, sole, asfalto) e la fricativa dentale sibilante sonora /z/ (rosa, sdegno) | in italiano la sibilante semplice intervocalica tende a realizzarsi sempre come sonora /z/ nell’Italia settentrionale e come sorda /s/ nell’Italia centro-meridionale; la geminata è sempre sorda in tutte le varietà regionali (cassa, materasso, disse); la semplice è sorda in tutte le varietà quando è iniziale di sillaba preceduta da un’altra consonante (gelso, orso) con eccezione della sola varietà triestina, all’inizio di parola quando è seguita da una vocale (sapere) davanti a consonante sorda e in finale di parola; la sibilante è invece sempre sonora in tutte le varietà regionali quando è seguita da consonante sonora | nel codice alfabetico internazionale viene identificata dalla parola sp. sierra
1b. nell’ortografia italiana la lettera forma il digramma sc e il trigramma sci che indicano la fricativa palatale sorda /ʃ/ rispettivamente davanti alle vocali e e i (scena, sci) e davanti alle vocali a, o e u (scialo, sciocco) che si realizza come intensa in posizione intervocalica e come semplice in posizione iniziale assoluta o postconsonantica
2. spec. maiusc., in funzione di agg.num., indica il diciannovesimo elemento di una serie ordinata mediante lettere dell’alfabeto: classe III sezione S

Polirematiche

a S
loc.agg.inv.
CO
loc.avv. CO a forma di S: curva a S; disporre a S
lingua turca s
loc.s.f.
TS ling.
una delle lingue turche in cui, come in iacuto, il fonema dell’antico turco comune originario *j- /j/ è continuato con s-
s impura
loc.s.f.
TS gramm.
quella che si trova davanti a un’altra consonante nella stessa sillaba
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità