ubbidiente

ub|bi|dièn|te
p.pres., agg.

1. p.pres. => ubbidire
2a. agg. CO che è solito ubbidire, che esegue docilmente gli ordini impartiti: servo ubbidiente, figli ubbidienti | estens., che ha un carattere docile, umile, sottomesso: una bimba gentile e ubbidiente
2b. agg. CO che ubbidisce a qcn., si sottomette alla sua volontà, ne esegue gli ordini: sudditi ubbidienti al sovrano, un cane ubbidiente al suo padrone
3. agg. LE fig., di qcs., che non oppone resistenza: la nuotante per l’Icario fonte | isola, a’ venti e all’acque obbediente (Foscolo); agevolmente trattabile, manipolabile: cera obbediente (D’Annunzio) | BU fig., spec. di strumento, meccanismo od organo: che risponde bene a uno stimolo, a un impulso, a una sollecitazione
4. agg. TS mar. di imbarcazione: che è molto sensibile agli impulsi delle vele, del timone, dei motori
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità