1vaccino

vac||no
s.m.
1803; der. di 2vaccino.

AD
materiale infettivo capace di indurre immunità specifica, pur essendo privato di potere patogeno | estens., qualsiasi sostanza che può indurre una stato immunitario

Polirematiche

vaccino antidifterico
loc.s.m.
TS med.
v. costituito da anatossina difterica, obbligatorio dal 1959 ed eseguito con due iniezioni di anatossina a distanza di tre settimane l’una dall’altra
vaccino antinfluenzale
loc.s.m.
TS med.
v. costituito da più tipi di virus dell’influenza inattivati col calore e aggiornato di anno in anno in relazione alla comparsa di ceppi di virus immunologicamente modificati o nuovi per una determinata popolazione
vaccino antipertossico
loc.s.m.
TS med.
v. costituito da batteri uccisi della specie Haemophilus pertussis, praticato dopo il sesto mese di vita con tre iniezioni a distanza di un mese l’una dall’altra
vaccino antipestoso
loc.s.m.
TS med.
v. costituito da bacilli della peste uccisi o da loro derivati, che viene iniettato un paio di volte
vaccino antipoliomielitico
loc.s.m.
TS med.
v. preparato con virus poliomielitici dei tre tipi noti, uccisi con formolo o attenuati, che si esegue generalmente con tre somministrazioni per via ipodermica
vaccino antirabbico
loc.s.m.
TS med.
v. costituito da una sospensione di midollo spinale di conigli infettati con virus rabbico, inoculato con iniezioni quotidiane immediatamente dopo il morso del cane supposto infetto
vaccino antiscarlattinoso
loc.s.m.
TS med.
v. allestito con tossina scarlattinosa prodotta da determinati ceppi di streptococchi e trasformata in anatossina
vaccino antitetanico
loc.s.m.
TS med.
v. a base di anatossina tetanica, somministrato eseguendo tre iniezioni a intervallo di due, tre settimane ed eventuali iniezioni di richiamo negli anni successivi
vaccino antitifico paratifico
loc.s.m.
TS med.
v. contenente salmonelle del tifo addominale e del paratifo uccise col calore e addizionate di alcol o acetone, che può essere somministrato sia a scopo curativo che profilattico
vaccino antivaioloso
loc.s.m.
TS med.
linfa vaccinica ottenuta inoculando giovani bovini e somministrata mediante scarificazioni sulla regione deltoidea o su quella laterale dell’addome, oggi quasi del tutto abbandonata per la scomparsa dell’infezione vaiolosa
vaccino autogeno
loc.s.m.
TS med.
=> autovaccino.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità