allegro

al||gro, al||gro
agg., avv., s.m.
ca. 1274; lat. *alĕcru(m), var. di alacer, -cris.


AU 
1. agg., che sente o dimostra allegria, lieto, contento: un ragazzo allegro, un temperamento allegro | come esortazione: allegro, non ci pensare! | iron.: c’è poco da stare allegri!
2a. agg., che mette allegria, vivace, divertente: uno spettacolo allegro, un vestito allegro | di luogo: ameno, piacevole: allegre vallate
2b. agg., di fuoco o fiamma: che arde vivacemente: cuocere a fuoco allegro
3. agg., fam., brillo, alticcio
4a. agg., di qcs., sconsiderato, fatto con leggerezza: fare vita allegra, vivere tra i divertimenti; finanze, spese allegre, caratterizzate da scarsa oculatezza e sprechi, senza limiti e controlli | di qcn., spec. di donna, di facili costumi: ragazza allegra
4b. agg., disonesto, ai limiti della legalità, incurante di vincoli e regole: edilizia allegra, assunzioni allegre
5. agg. TS arald. di cavallo rappresentato su uno scudo: passante, libero e senza finimenti
6. agg. OB di terreno, di coltivazione: fertile, rigoglioso
7a. avv. TS mus. come indicazione di movimento, da eseguire in modo abbastanza rapido, tra il presto e l’andante
7b. s.m. TS mus. spec. con iniz. maiusc., brano da eseguire secondo tale indicazione


Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità