amo

à|mo
s.m.
av. 1306; lat. hamu(m) “uncino”.


CO
1a. piccolo uncino metallico cui si applica l’esca per pescare
1b. fig., lusinga; inganno, insidia: gettare, preparare, tendere l’amo
2. LE estens., punta uncinata di una freccia, di un’ancora o sim.: da un amo all’altro l’àncora è tanto alta,| che non v’arriva Orlando, se non salta (Ariosto)
3. TS stor. in Roma antica, ferro uncinato che veniva piantato come protezione davanti ai trinceramenti

Polirematiche

abboccare all’amo
loc.v.
CO
lasciarsi convincere o raggirare; cadere in un tranello.
gettare l’amo
loc.v.
CO
tendere un’insidia | tentare di sapere o di ottenere qcs. da qcn. senza chiederlo direttamente
prendere all’amo
loc.v.
CO
allettare con inganni o lusinghe, adescare
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità