antipode

an||po|de
s.m. e f., agg.
fine XIV sec; dal lat. tardo antĭpŏde(s) e antĭpŏdu(m), dal gr. antípous, -odos propr. “che ha i piedi opposti a qualcosa”, comp. di anti- “contro” e poús, podós “piede”.


1. s.m. e f. TS stor. secondo gli antichi Greci: abitante di una parte della Terra diametralmente opposta a quella conosciuta; anche agg.
2. s.m. CO al pl., i punti della sfera terrestre diametralmente opposti o molto distanti tra loro: abitare agli antipodi, l’Europa e l’Australia si trovano agli antipodi
3. agg. TS bot. di cellula, che si forma nel sacco embrionale delle Angiosperme dalla parte opposta all’oosfera

Polirematiche

agli antipodi
loc.agg.inv.
CO
totalmente opposto, diversissimo: la tua idea e la mia sono proprio agli antipode
antipode ottico
loc.s.m.
TS chim.
isomero con distribuzione spaziale degli atomi speculare a quella di un altro composto del quale ha le stesse proprietà fisiche e chimiche
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità