appoggiare

ap|pog|già|re
v.tr. e intr.
ca. 1274; lat. *appŏdĭāre, comp. di ad- “a, verso” e podium “piedistallo”, quindi propr. “porre su un piedistallo, installare” poi “poggiare”.


FO
1a. v.tr., posare sopra: appoggiare sul tavolo
1b. v.tr., addossare a un sostegno: appoggiare la scala al muro
1c. v.tr., fig., fondare su argomentazioni, su basi concettuali: appoggiare le proprie affermazioni su prove
2. v.tr., sostenere, favorire: appoggiare un partito, la candidatura di qcn.
3. v.tr. BU affidare, spec. un incarico, un’incombenza
4. v.tr. CO rifilare, appioppare: appoggiare uno schiaffo a qcn.
5. v.tr. TS banc. dare commissione di eseguire: appoggiare un bonifico, un pagamento all’agenzia 7
6. v.intr. (essere) FO poggiare: la statua appoggia su un piedistallo di marmo
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità