arringa

ar|rìn|ga
s.f.
av. 1294; der. di arringare.


1. TS dir. in un processo penale: perorazione tenuta dal pubblico ministero o dall’avvocato difensore: l’arringa del difensore, dell’accusa
2. CO estens., discorso ufficiale, spec. solenne, pronunciato davanti a un pubblico: il deputato tenne un’arringa in piazza; anche scherz.: fece un’arringa per persuadermi a studiare
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.