1avere

a||re
v.tr., v.intr.
1211; lat. habēre.


FO
I. v.tr.
I 1a. possedere beni, cose materiali: avere una casa, molti terreni, tanti soldi | ass., possedere ricchezze, essere ricco: non sempre quelli che hanno sono generosi | e chi più ne ha più ne metta, eccetera, e così via, alla fine di un’elencazione
I 1b. avere a disposizione, spec. temporaneamente: domani ho la macchina della ditta | ho ancora tre giorni di ferie, in quella libreria ho lo sconto del 10%, ne ho diritto, ne fruisco
I 1c. presentare determinate caratteristiche fisiche o qualità morali o intellettuali: avere tante virtù, un’intelligenza pronta | avere coraggio, fortuna, essere coraggioso, fortunato | avere del buono, delle buone qualità | avere qcs., molto di qcn., di qcs., ricordare, assomigliare a qcn. o a qcs.
I 1d. possedere cose astratte: avere le prove di qcs.
I 2. con oggetto determinato da un complemento predicativo ne indica una particolare condizione o qualità: avere gli occhi verdi, i capelli spettinati, i figli a scuola, un parente avvocato
I 3. con oggetto costituito da una determinazione di tempo, indica età, anzianità e sim.: avere vent’anni, tre giorni di vacanza; avere pochi giorni, essere nato da poco
I 4. seguito da determinazioni di luogo, indica relazione o collocazione nello spazio: avere qcs., qcn. di fronte, accanto, avere un livido sul braccio, la casa ha intorno un bosco
I 5. con oggetto di persona indica relazione affettiva, di parentela, di lavoro, ecc.: avere moglie, due figli, degli amici a Roma
I 6. tenere: avere il cane al guinzaglio, qcs. nelle mani
I 7. indossare, portare un indumento, un abito, un accessorio, ecc.: avere un vestito molto elegante, gli occhiali
I 8. contenere, comprendere; annoverare, contare: Roma ha tre milioni di abitanti, il treno ha pochi vagoni
I 9. ottenere, conseguire: avere una promozione, dei vantaggi | chi ha avuto ha avuto, fig., quel che è fatto è fatto, la questione è chiusa
I 10. entrare in possesso di qcs.: ho avuto la mia parte di eredità | comperare, acquistare: l’ho avuto a poco prezzo | riscuotere, percepire: ha avuto dodici milioni di liquidazione | ricevere: ho avuto ieri la tua lettera
I 11. sentire, provare una sensazione fisica, un sentimento, ecc.: avere fame, paura; avere voglia, bisogno di qcs., avere simpatia per qcn.; avere un’idea; avere speranza, timore | avere piacere di qcs., esserne contento
I 12. soffrire, essere affetto: avere il raffreddore, mal di testa, avere complessi di inferiorità | godere: avere buona salute
I 13. CO con la prep. in: avere in antipatia, in odio qcn., provare antipatia, odio per qcn. | con la prep. a: avere a noia qcs., qcn., esserne infastidito, stufo
I 14. CO seguito da aggettivo, considerare, ritenere: avere caro qcs., qcn., essergli affezionato; avere cara una faccenda, prenderla a cuore | BU con le prep. per o a: avere qcn. per bugiardo, avere qcn. a vile, ritenerlo un bugiardo, un vigliacco; avere per certo qcs., esserne certo, sicuro
I 15. CO seguito dalla prep. da e infinito, dovere: avere da lavorare, avere altro da fare; con rif. a un tempo futuro: ha da passare ancora un mese; in alcuni usi senza la prep.: avere gli esami, doverli sostenere | con la prep. a: ebbe a ricredersi
I 16. BU seguito dalla prep. a e infinito ha valore fraseologico: ebbe ad ammalarsi, si ammalò; credo che abbia ad arrivare oggi, credo che arrivi oggi
I 17. CO fam., spec. nella lingua parlata, con la particella ci: non c’ho un minuto di tempo
II. v.intr. (avere) LE alla terza persona con le particelle ci e vi, esserci: non v’ha ragione, dubbio; v’ha talvolta, nel volto e nel contegno d’un uomo, un’espressione così immediata (Manzoni)
III. v.aus. FO come ausiliare nei tempi composti dei v.tr. attivi, di parte dei v.intr. e anticamente dei pronominali: ho detto, ho fatto; ho sciato, ho navigato

Polirematiche

avere termine
loc.v.
CO
concludersi, finire
avere a che dire
loc.v.
CO
litigare, questionare: ha avuto a che dire col capufficio
avere a che fare
loc.v.
CO
avere un qualche rapporto o relazione: non voglio avere nulla a che fare con loro; essere inerente, entrarci: è una proposta che ha a che fare col nostro lavoro; essere coinvolto, doversi occupare di qcs.: avere a che fare con un problema
avere a che vedere
loc.v.
CO
avere a che fare
avere a cuore
loc.v.
CO
interessarsi di qcs. o di qcn., occuparsene con attenzione; averlo caro
avere a disposizione
loc.v.
CO
poter impiegare secondo la propria volontà o necessità, poter disporre di qcn. o qcs.: oggi hai a disposizione l’auto
avere a mente
loc.v.
CO
ricordare, avere presente
avere acqua
loc.v.
TS mar.
di imbarcazione, avere spazio sufficiente per muoversi
avere ai propri piedi
loc.v.
CO
dominare, poter disporre di qcn.: è abituato ad avere tutti ai propri piedi
avere ancora il boccone in bocca
loc.v.
CO
avere appena finito di mangiare
avere ancora il latte alla bocca
loc.v.
CO
essere ancora giovane e inesperto: si crede arrivato ma ha ancora il latte alla bocca
avere buon gioco
loc.v.
CO
nei giochi di carte, avere buone carte | fig., avere la possibilità di riuscire in qcs.; avere buon gioco su qcn., poterlo battere facilmente
avere buon partito
loc.v.
CO
trovarsi in una situazione vantaggiosa
avere buona gamba
loc.v.
CO
essere un buon camminatore
avere buone braccia
loc.v.
CO
essere un gran lavoratore
avere buone carte
loc.v.
CO
nei giochi di carte, avere una combinazione favorevole | fig., trovarsi in una situazione fortunata
avere cattivo partito
loc.v.
CO
essere in una situazione sfavorevole
avere corpo
loc.v.
CO
di idea, ipotesi e sim., avere forza, consistenza, concretezza | di notizia, avere fondamento
avere cuore
loc.v.
CO
1. essere generoso, buono: quel ragazzo ha cuore
2. avere coraggio, forza nell’affrontare determinate situazioni: non ho cuore di comunicarle la notizia
avere cura
loc.v.
CO
occuparsi, provvedere.
avere da fare
loc.v.
CO
essere occupato, dover adempiere a un’incombenza, a un impegno, dover svolgere un lavoro, ecc.: non posso venire, ho da fare; anche rafforzato da agg.: avere un gran, un bel da fare
avere dalla propria
loc.v.
CO
poter contare sull’appoggio di qcn., sul favore delle circostanze: avere il tempo dalla propria
avere davanti agli occhi
loc.v.
CO
aver presente, ricordare chiaramente
avere due facce
loc.v.
CO
comportarsi in modo ambiguo, subdolo | di situazione e sim., essere interpretabile in due modi contrapposti
avere due pesi e due misure
loc.v.
CO
usare criteri diversi per valutare situazioni simili; valutare ingiustamente
avere fede
loc.v.
CO
credere
avere forza di legge
loc.v.
TS dir.
di contratto, che una volta stipulato, ha per le parti una validità e un’efficacia pari a quella di legge
avere gli anni del cucco
loc.v.
CO
fam., essere molto vecchio o antico
avere gli occhi foderati
loc.v.
CO
non vedere qcs. di molto evidente; non accorgersi di qcs. di molto vistoso
avere gli occhi foderati di prosciutto
loc.v.
CO
fam., avere gli occhi foderati
avere grilli per la testa
loc.v.
CO
avere idee bizzarre, desideri stravaganti; perdersi in futilità
avere i capelli dritti
loc.v.
CO
essere molto spaventato, provare orrore
avere i coglioni
loc.v.
CO
volg., essere una persona forte, energica, capace, coraggiosa
avere i giorni contati
loc.v.
CO
avere pochissimo tempo per fare qcs. | stare per morire; stare per fare una brutta fine: il governo ha i giorni contati
avere idea
loc.v.
CO
1. sapere vagamente, immaginare: non hai idea di quel che t’aspetta, una violenza, una sfrontatezza che non hai idea!
2. sospettare, temere: ho idea che non verrà, ho idea che sarà bocciato
avere il cappio al collo
loc.v.
CO
non avere la minima libertà d'azione
avere il cervello in fondo ai piedi
loc.v.
CO
avere il cervello nelle scarpe
avere il cervello nelle scarpe
loc.v.
CO
essere molto sbadato; avere poco giudizio
avere il coltello alla gola
loc.v.
CO
essere costretto a fare qcs.
avere il coltello dalla parte del manico
loc.v.
CO
essere nella posizione più forte
avere il cuore in gola
loc.v.
CO
essere molto spaventato o emozionato
avere il dente avvelenato
loc.v.
CO
provare risentimento, rancore: avere il dente avvelenato contro, con qcn.
avere il diavolo in corpo
loc.v.
CO
essere molto agitato, irrequieto
avere il dono dell’ubiquità
loc.v.
CO
scherz., di qcn., che sembra presente ovunque, che si mostra in ogni occasione
avere il fatto proprio
loc.v.
CO
avere quel che ci si merita
avere il fiato corto
loc.v.
CO
avere il fiato grosso
avere il fiato grosso
loc.v.
CO
ansimare, respirare con affanno
avere il polso fermo
loc.v.
CO
avere la mano ferma
avere il sangue caldo
loc.v.
CO
avere un temperamento focoso soggetto al dominio delle passioni
avere il veleno in corpo
loc.v.
CO
provare rabbia, odio, rancore
avere in, sulla bocca
loc.v.
CO
parlarne sempre; avere sempre in bocca una parola, ripeterla spesso
avere in animo
loc.v.
CO
avere intenzione
avere in ballo
loc.v.
CO
stare per ottenere o conseguire: ho in ballo un buon affare
avere in consegna
loc.v.
CO
custodire per un periodo di tempo, tenere con cura: ho in consegna il gatto dei vicini
avere in contrario
loc.v.
CO
avere da obiettare, da opporre: non avere niente, nulla in contrario
avere in corpo
loc.v.
CO
avere in sé, provare intensamente: avere molta rabbia in corpo
avere in custodia
loc.s.m.
CO
avere in consegna
avere in mano
loc.v.
CO
1. avere qcn. o qcs. in proprio potere, dominarlo
2. essere in possesso di una prova, di una notizia, ecc.: non avere in mano informazioni certe
avere in mente
loc.v.
CO
1. pensare, rivolgere nella mente: cos’hai in mente?
2. pensare di fare qcs., progettare: avere in mente un viaggio a Parigi
avere in progetto
loc.v.
CO
proporsi, progettare: avevo in progetto di venirti a trovare
avere in pugno
loc.v.
CO
dominare qcn.; essere sicuro di ottenere qcs.: avere la vittoria in pugno, aver vinto, stare per vincere
avere in vista
loc.v.
CO
progettare, stare per compiere: avere in vista un viaggio, una promozione; aspettarsi: avere in vista di cambiare lavoro
avere inizio
loc.v.
CO
incominciare: il concerto sta per avere inizio
avere intenzione
loc.v.
CO
avere in animo, prefiggersi. 
avere intorno
loc.v.
CO
essere accompagnato da qcn., spec. in modo noioso e assiduo: ha intorno numerosi corteggiatori
avere la barba
loc.v.
CO
1. essere annoiato, stufo: avere la barba di qcs.
2. spec. di notizia e sim., essere risaputo, vecchio
avere la battuta pronta
loc.v.
CO
saper rispondere velocemente e a tono, o in modo spiritoso
avere la bava alla bocca
loc.v.
CO
essere furioso
avere la benda sugli occhi
loc.v.
CO
non conoscere la verità, non sapere come stanno le cose
avere la bocca buona
loc.v.
CO
sentire ancora il sapore buono di qcs. che si è mangiato; fig., essere soddisfatto di qcs., accontentarsi
avere la bocca cattiva
loc.v.
CO
sentire ancora in bocca il sapore cattivo di qcs. che si è mangiato; fig., essere insoddisfatto di qcs.
avere la bocca cucita
loc.v.
CO
non voler parlare, spec. per mantenere un segreto
avere la borsa piena
loc.v.
CO
avere molto denaro
avere la borsa stretta
loc.v.
CO
essere avaro
avere la borsa vuota
loc.v.
CO
avere poco denaro
avere la catena al collo
loc.v.
CO
non essere libero, essere soggetto alla volontà di altri
avere la coda di paglia
loc.v.
CO
sentirsi in difetto o in colpa per qcs. e pensare che gli altri vi alludano
avere la coda tra le gambe
loc.v.
CO
mostrarsi avvilito dopo un insuccesso
avere la corda al collo
loc.v.
CO
1. avere la catena al collo
2. trovarsi in grave pericolo, avere l'acqua alla gola
avere la coscienza a posto
loc.v.
CO
non avere nulla di cui rimproverarsi, ritenere di essersi comportato bene
avere la coscienza pulita
loc.v.
CO
avere la coscienza a posto
avere la coscienza sporca
loc.v.
CO
avere qcs. di cui rimproverarsi, sentire rimorso per qcs.
avere la febbre addosso
loc.v.
CO
essere agitato, smaniare
avere la gola secca
loc.v.
CO
essere molto assetato
avere la lingua biforcuta
loc.v.
CO
essere bugiardo, infido
avere la lingua in bocca
loc.v.
CO
saper rispondere a tono
avere la lingua sciolta
loc.v.
CO
essere loquace, avere facilità di parola
avere la lingua tagliente
loc.v.
CO
essere incline a esprimere giudizi sarcastici o malevoli
avere la luna di, per traverso
loc.v.
CO
avere le lune
avere la luna storta
loc.v.
CO
avere le lune
avere la mano felice
loc.v.
CO
riuscire bene in qcs. che si fa
avere la mano ferma
loc.v.
CO
agire con decisione
avere la mano leggera
loc.v.
CO
fare, dire qcs. o agire, comportarsi con delicatezza
avere la mano pesante
loc.v.
CO
fare, dire qcs. in modo brusco, non delicato
avere la meglio
loc.v.
CO
riuscire vincente: avere la meglio su un avversario, fra le due posizioni ha avuto la meglio la più moderata
avere la memoria corta
loc.v.
CO
non ricordarsi a lungo delle cose, dimenticare in fretta: devo prendere un appunto, ho la memoria corta
avere la morte nel cuore
loc.v.
CO
essere molto addolorato
avere la peggio
loc.v.
CO
perdere, avere la sorte peggiore: l’esercito nemico ha avuto la peggio
avere la pelle dura
loc.v.
CO
essere resistente alla fatica, alle malattie, ai casi della vita
avere la puzza sotto il naso
loc.v.
CO
essere altezzoso, darsi delle arie
avere la risposta pronta
loc.v.
CO
ribattere prontamente in modo incisivo e senza farsi intimidire
avere la segatura nel cervello
loc.v.
CO
non capire nulla
avere la testa a posto
loc.v.
CO
essere saggio, assennato
avere la testa altrove
loc.v.
CO
essere distratto, assente
avere la testa nelle, tra le nuvole
loc.v.
CO
essere distratto
avere la testa piena di grilli
loc.v.
CO
avere grilli per la testa
avere la testa sul collo
loc.v.
CO
avere la testa sulle spalle
avere la testa sulle spalle
loc.v.
CO
essere responsabile, saggio
avere la testa vuota
loc.v.
CO
non riuscire a ricordare qcs. o a pensare con lucidità
avere la vista corta
loc.v.
CO
vederci poco | fig., non essere lungimirante
avere la vista lunga
loc.v.
CO
vederci bene | fig., essere lungimirante
avere l’acqua alla gola
loc.v.
CO
essere pressato da qcs. di urgente; essere in difficoltà
avere l’acquolina in bocca
loc.v.
CO
pregustare qcs. di appetitoso
avere l’argento vivo addosso
loc.v.
CO
essere molto vivace, irrequieto
avere l’aria
loc.v.
CO
1. sembrare, somigliare: avere l’aria di una persona perbene
2. dare l’impressione: avere l’aria di aspettare qcn., un ristorante che ha l’aria di essere caro
avere le ali ai piedi
loc.v.
CO
correre molto velocemente
avere le carte in regola
loc.v.
CO
avere i requisiti necessari per una certa attività: ha le carte in regola per diventare un buon avvocato
avere le corna
loc.v.
CO
essere tradito dal coniuge, dalla persona amata
avere le idee chiare
loc.v.
CO
sapere ciò che si vuole
avere le lacrime agli occhi
loc.v.
CO
essere sul punto di piangere
avere le lacrime in tasca
loc.v.
CO
piangere per un nonnulla, commuoversi con facilità
avere le lune
loc.v.
CO
essere di umore capriccioso
avere le madonne
loc.v.
CO
pop., essere arrabbiato, di cattivo umore
avere le mani in pasta
loc.v.
CO
essere coinvolto in qcs.
avere le mani legate
loc.v.
CO
non poter agire o intervenire
avere le mani lunghe
loc.v.
CO
1. essere incline al furto
2. essere potente, avere relazioni potenti e ramificate | immischiarsi spec. in affari loschi
3. essere manesco, violento
avere le ore contate
loc.v.
CO
avere i giorni contati
avere le orecchie foderate
loc.v.
CO
fam., non voler sentire
avere le orecchie foderate di prosciutto
loc.v.
CO
avere le orecchie foderate
avere le orecchie lunghe
loc.v.
1. CO essere sempre pronto ad afferrare ciò che altri dicono, non lasciarsi sfuggire nulla
2. BU essere ignorante, asino
avere le palle
loc.v.
CO
volg., avere i coglioni
avere le palle piene
loc.v.
CO
volg., avere le tasche piene
avere le pile scariche
loc.v.
CO
essere molto stanco, privo di energie
avere le scatole piene
loc.v.
CO
volg., avere le tasche piene
avere le spalle coperte
loc.v.
CO
godere di una protezione, spec. in situazioni di pericolo
avere le spalle larghe
loc.v.
CO
essere una persona forte, spec. moralmente
avere le spalle quadrate
loc.v.
CO
avere le spalle larghe
avere le tasche piene
loc.v.
CO
essere stufo di qcs.
avere le tasche vuote
loc.v.
CO
non avere denaro
avere le traveggole
loc.v.
CO
vedere una cosa per un’altra | fig., sbagliarsi, fraintendere
avere l’imbarazzo della scelta
loc.v.
CO
avere la possibilità di scegliere fra una vasta gamma di opzioni tutte ugualmente valide
avere l’occhio
loc.v.
CO
stare attento; fare attenzione a tutto quel che succede
avere luogo
loc.v.
CO
accadere | svolgersi, tenersi: la cerimonia avrà luogo domani in municipio
avere mano libera
loc.v.
CO
avere piena libertà di scelta e di azione
avere molte frecce al proprio arco
loc.v.
CO
disporre di molti mezzi e risorse, conoscere molti espedienti per raggiungere uno scopo
avere motivo di
loc.v.
CO
avere ragione per fare qualcosa
avere nel cuore
loc.v.
CO
amare qcn.
avere nel sangue
loc.v.
CO
avere una forte predisposizione: quel ragazzo ha la scherma nel sangue
avere origine
loc.v.
CO
promanare
avere parte
loc.v.
CO
svolgere un ruolo, partecipare: avere parte in un affare
avere partita vinta
loc.v.
CO
avere la meglio in una discussione e sim.
avere paura della propria ombra
loc.v.
CO
essere timoroso di tutto
avere per la mente
loc.v.
CO
pensare a qcs. spec. intensamente, in modo esclusivo; avere altro per la mente, pensare ad altro
avere per la testa
loc.v.
CO
avere per la mente
avere per le mani
loc.v.
CO
avere a disposizione, anche solo come eventualità: avere per le mani un lavoro
avere presente
loc.v.
CO
ricordare, avere capito di cosa o di chi si sta parlando: hai presente Maria?, non ho presente il libro di cui parli
avere qualche rotella fuori posto
loc.v.
CO
essere bizzarro, stravagante
avere qualche rotella in meno
loc.v.
CO
avere qualche rotella fuori posto
avere ragione
loc.v.
CO
essere nel giusto: nessuno gli credeva, ma aveva ragione lui
avere ragione di
loc.v.
CO
vincere, sopraffare: avere ragione di un avversario, a forza di insistere ebbe ragione della sua diffidenza
avere sale in zucca
loc.v.
CO
essere assennato, furbo
avere scena
loc.v.
TS teatr.
essere disinvolto sulla scena: attore che non ha scena
avere solo due braccia
loc.v.
CO
non poter fare più di quanto si sta già facendo
avere su
loc.v.
CO
fam., indossare, portare indosso un abito e sim.
avere sul gozzo
loc.v.
CO
non riuscire a mandare giù, a dimenticare un’offesa
avere sulla coscienza
loc.v.
CO
avere la colpa, la responsabilità di qcs.: avere un delitto sulla coscienza
avere sulla punta della lingua
loc.v.
CO
sapere ma non ricordare: avere un nome sulla punta della lingua
avere sulla punta delle dita
loc.v.
CO
conoscere, padroneggiare perfettamente un argomento, un mestiere e sim.
avere sulle palle
loc.v.
CO
volg., detestare, non sopportare: quel ragazzo ce l’ho proprio sulle palle
avere sullo stomaco
loc.v.
CO
non avere digerito un cibo: ho ancora la peperonata sullo stomaco; fig., detestare, non sopportare
avere torto
loc.v.
CO
sostenere cose ingiuste o errate o comportarsi in modo ingiusto o scorretto: ha ammesso di avere torto, hai torto a comportarti così
avere un bel dire
loc.v.
CO
esprimere un giudizio, una valutazione eccessivamente ottimistica e facilona: hai un bel dire che sarai promosso!
avere un debole
loc.v.
CO
prediligere.
avere un diavolo per capello
loc.v.
CO
avere molte preoccupazioni, molti problemi; essere molto nervoso, irritato
avere un mattone sullo stomaco
loc.v.
CO
fam., non riuscire a digerire
avere un passato
loc.v.
CO
avere avuto una vita ricca di vicissitudini, di esperienze, spec. sentimentali
avere un piede nella fossa
loc.v.
CO
essere in punto di morte; essere molto vecchio e malandato
avere un piede nella tomba
loc.v.
CO
avere un piede nella fossa
avere un rospo in gola
loc.v.
CO
sentire il peso di sentimenti o pensieri repressi; avere voglia di dire qcs., spec. di spiacevole, di fare una critica
avere un santo dalla propria
loc.v.
CO
riuscire a cavarsela in una situazione difficile: quel ragazzo deve avere un santo dalla sua
avere una marcia in più
loc.v.
CO
di qcn., avere capacità nettamente superiori agli altri
avere una sola parola
loc.v.
CO
mantenere le proprie promesse, gli impegni presi
avere una spina nel cuore
loc.v.
CO
avere un cruccio, una tribolazione, un tormento
avere voce in capitolo
loc.v.
1. TS st.eccl. avere diritto di parola nell’adunanza capitolare
2. CO estens., poter intervenire in una discussione o nel prendere una decisione; essere considerato, stimato: in famiglia non ha voce in capitolo
averla vinta
loc.v.
CO
spuntarla, uscire vincitore: è sempre difficile avere vinta con te; alla fine l’ho avuta vinta io
averle tutte vinte
loc.v.
CO
venire accontentato in ogni desiderio: quel bimbo le ha tutte vinte dai genitori
averne abbastanza
loc.v.
CO
non poterne più, essere stufo: avere abbastanza di qcn., di qcs.; anche ass.: ne ho abbastanza, andiamocene
averne ben donde
loc.v.
CO
avere un valido motivo: ne hai ben donde di ribellarti
averne fin sopra i capelli
loc.v.
CO
averne abbastanza
averne le palle piene
loc.v.
CO
volg., averne le tasche piene
averne le scatole piene
loc.v.
CO
volg., averne le tasche piene
averne le tasche piene
loc.v.
CO
non poterne più, essere stufo
aversi cura
loc.v.
CO
avere riguardo per se stesso, per la propria salute, usato spec. all’imp.: abbiti cura!.
ben avere
loc.v.
var. => benavere
non avere gli occhi per piangere
loc.v.
CO
fam., non possedere più nulla, essere poverissimo
non avere il becco di un quattrino
loc.v.
CO
non avere un soldo
non avere né arte né parte
loc.v.
CO
non saper fare nulla; essere privo di un ruolo definito
non avere né capo né coda
loc.v.
CO
di ragionamento, discorso e sim., essere sconclusionato, senza senso
non avere nulla a che vedere
loc.v.
CO
non avere alcun contatto, rapporto di affinità con qcs.
non avere nulla da spartire
loc.v.
CO
non avere nulla a che vedere
non avere peli sulla lingua
loc.v.
CO
parlare con una schiettezza che rasenta la brutalità
non avere prezzo
loc.v.
CO
avere un valore inestimabile: è un gioiello che non ha prezzo
non avere sangue nelle vene
loc.v.
CO
1. essere insensbile, freddo
2. non avere carattere
non avere tutti i torti
loc.v.
CO
avere ragione: non avere tutti i torti nel dire, nel fare qcs.
non avere uguali
loc.v.
CO
essere inarrivabile, impareggiabile
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità