baracca

ba|ràc|ca
s.f.
av. 1665; dallo sp. barraca, di orig. preromana.

AD
1. AD costruzione di assi, lamiere e sim. usata come deposito per merci e attrezzi o anche come abitazione spec. precaria e di fortuna: riporre gli attrezzi agricoli nella baracca, le baracche dei terremotati
2. CO spreg., fam., oggetto o strumento o veicolo in cattivo stato o mal funzionante: quel televisore è una baracca, la mia macchina è una baracca
3. CO famiglia, attività, amministrazione e sim., spec. con andamento difficoltoso e precario: reggere a stento la baracca; tirare avanti la baracca, addossarsi il maggior peso in un’attività o il mantenimento di una famiglia
4. RE sett., bisboccia, baldoria; fare baracca, gozzovigliare
5. TS tess. congegno per il controllo e la misurazione delle pezze di stoffa

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità