bello

bèl|lo
agg., s.m.
ca. 1224; lat. bĕllu(m) “carino, grazioso”, da *duenolos, dim. di duenus, forma ant. di bonus.


FO
I. agg.
I 1a. di qcs., che ha un aspetto gradevole: una bella casa, un bel paesaggio, un bel vestito; che corrisponde a canoni estetici o artistici: bel libro, bella musica, bello stile
I 1b. di persona, di corpo umano o di una sua parte, che corrisponde ai canoni della bellezza fisica: un bell’uomo, un bel corpo, un bel viso; fam., essere bello come il sole, come una rosa, come un angelo, come un dio; di animale: un bel gatto, un bell’esemplare di orso bruno
I 2. ben riuscito, piacevole: una bella festa, un bel viaggio, una bella passeggiata
I 3a. moralmente buono, nobile: fare un bel gesto, nutrire bei sentimenti, non è bello dire certe cose
I 3b. che suscita ammirazione: una bella mente, un bel talento, una bella intelligenza; anche iron.: dopo tutti quei bei discorsi si comporta male
I 3c. gentile, garbato: avere belle maniere, bei modi, è un bel pensiero regalare dei fiori
I 4. come predicato nominale invariabile, spec. in slogan: donna è bello
I 5a. positivo, buono: prendere un bel voto, avere una bella idea; fare una bella riuscita, riuscire bene | favorevole: una bella occasione; vantaggioso, conveniente: un bell’acquisto | con uso ironico o antifrastico: bella figura hai fatto!, bell’amico sei!
I 5b. efficace, valido: trovare una bella soluzione, dare una bella risposta
I 5c. di momento, periodo dell’esistenza: lieto, felice: passare bei giorni; ai bei tempi, in passato, in gioventù
I 5d. del tempo e sim., sereno, buono: oggi è bel tempo, è una bella giornata
I 6. grande, abbondante, notevole: una bella somma, un bel bicchiere di vino, una bella nevicata; avere una bella età, essere anziano | con uso ironico o antifrastico: un bello spavento, un bel raffreddore, una bella macchia, ci vuole un bel coraggio!
I 7a. preposto a nomi, aggettivi, avverbi, ha valore enfatico o rafforzativo: un bel pezzo di ragazza; un bel nulla, un bel niente, proprio nulla, proprio niente; un bel sì, un bel no, un sì, un no decisi; nel bel mezzo di qcs., proprio nel mezzo; un bel giorno capirai; avere un bel fare, un bel dire, sforzarsi inutilmente; un bel caldo, un bel freddo, molto caldo, molto freddo
I 7b. con uso pleonastico: ha fatto anche lui la sua bella gavetta, ha anche lei la sua bella laurea
I 8. in espressioni ellittiche: saperne, raccontarne delle belle, sapere, raccontare notizie, storie e sim. su qcs. o qcn.; farla bella, farne delle belle, combinare qualche guaio; scamparla bella, sfuggire un grande pericolo; averla detta bella, dire qcs. fuori luogo; dirne, farne di belle e di brutte, dirne, farne di tutti i colori; questa è bella!, oh bella!, esclamazione di stupore o di disapprovazione; sarebbe bella che piovesse
I 9. in loc.pragm.: bella forza per commentare ironicamente l’ovvietà di un risultato o di un’affermazione: «Ho battuto a tennis mio figlio di otto anni» «Bella forza!»
II. s.m.
II 1a. solo sing., ciò che è esteticamente valido, gradevole: avere il gusto del bello | TS filos. la bellezza in quanto oggetto estetico o teoretico
II 1b. FO solo sing., aspetto positivo o piacevole di qcn. o qcs.: apprezzare il bello della vita, il bello della campagna è il silenzio, c’è di bello in lui che non si offende, la casa ha di bello che è in centro | con valore fraseologico: che fai, che leggi, dove vai di bello? | iron. o antifr.: ora viene, arriva, comincia il bello, l’aspetto più interessante o più difficile di qcs.; il bello è che, la cosa strana è che; ci è voluto del bello e del buono per convincerlo, è occorso molto impegno
II 2. FO persona di aspetto fisico piacevole: il bello del paese | CO il fidanzato, l’innamorato: è uscita col suo bello | come appellativo di un bambino o iron. di un adulto: bello mio, bello di mamma
II 3. FO solo sing., tempo buono, sereno: ha fatto due giorni di bello; mettersi, rimettersi, mantenersi al bello

Polirematiche

a bella posta
loc.avv.
CO
intenzionalmente
alla bell’e meglio
loc.avv.
CO
in modo approssimativo: lavoro fatto alla bell'e meglio
anima bella
loc.s.f.
1. TS filos. in epoca romantica, persona nella quale la sensibilità si accorda spontaneamente con la legge morale
2. CO iron., sognatore, ingenuo, persona indifesa
avere un bel dire
loc.v.
CO
esprimere un giudizio, una valutazione eccessivamente ottimistica e facilona: hai un bel dire che sarai promosso!
bel bello
loc.avv.
CO
tranquillamente, piano piano: camminare bel bello
bel colpo
loc.s.m.
CO
azione riuscita; colpo di fortuna: è stato un bel colpo aggiudicarsi quella fornitura; anche con uso esclamativo:
bel mondo
loc.s.m.
CO
alta società, jet set: frequentare il bello mondo
bel sesso
loc.s.m.
CO
sesso debole
bella copia
loc.s.f.
CO
copia definitiva di uno scritto
bella presenza
loc.s.f.
CO
bell’aspetto esteriore: ragazzo di bella presenza; spec. nel linguaggio degli annunci economici: cercasi commessa bella presenza
bella scrittura
loc.s.f.
CO
calligrafia
bella stagione
loc.s.f.
CO
la primavera, l'estate
bella vita
loc.s.f.
CO
vita comoda, agiata, o anche mondana, scapestrata: fare la bella vita, darsi alla bella vita
bell’e
loc.avv.
CO
seguito da agg., indica conclusione di un’azione: bell’e fatto, bell’e partito, già fatto, già partito; l’autobus è bell’e perso, ormai perso, siamo bell’e rovinati, ormai rovinati
belle arti
loc.s.f.pl.
CO
l’insieme delle arti figurative: accademia di belle arti
bell’e buono
loc.agg.inv.
CO
vero e proprio: una truffa bell’e buona, un cretino bell’e buono
belle lettere
loc.s.f.pl.
CO
la letteratura, lo studio della letteratura
darsi al bel tempo
loc.v.
CO
divertirsi, spassarsela
della più bell’acqua
loc.agg.inv.
CO
della miglior specie, genuino; anche scherz.: un furfante della più bell'acqua!
di belle speranze
loc.agg.inv.
CO
di persona per la quale si prevede successo nella vita: giovane di belle speranze
e compagnia bella
loc.avv.
CO
fam., eccetera
fare bella figura
loc.v.
CO
avere successo, farsi apprezzare: con quella torta ha fatto una bella figura
fare il bello e il brutto tempo
loc.v.
CO
fare il bello e il cattivo tempo
fare il bello e il cattivo tempo
loc.v.
CO
avere o arrogarsi il potere di decidere a proprio esclusivo giudizio, senza consultare le altre persone interessate
fare la bella statuina
loc.v.
CO
stare immobile, non agire, non parlare, per lo più estraniandosi dal contesto in cui ci si trova
fare la bella vita
loc.v.
CO
folleggiare
farsi bello
loc.v.
CO
1. curare il proprio aspetto
2. fig., vantarsi, pavoneggiarsi: farsi bello di qcs., farsi bello con qcn.
in bella mostra
loc.avv.
CO
in evidenza: essere, stare, mettersi in bella mostra
sette bello
loc.s.m.
var. => settebello
sul più bello
loc.avv.
CO
nel momento più importante, migliore: sul più bello hanno trasmesso la pubblicità.
un bel giorno
loc.avv.
CO
in un giorno imprecisato, nel passato o nel futuro: un bel giorno tutto cambiò, un bel giorno ti pentirai
un bel po’
loc.s.m.inv.
CO
grande quantità: guadagnare un bel po' di soldi, dormire un bel po' di tempo | loc.avv., molto: mangiare, costare un bel po'
volerci del bello e del buono
loc.v.
CO
fam., essere necessari molti sforzi: c'è voluto del bello e del buono per convincerlo.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità