cadenza

ca|dèn|za
s.f., loc. di comando
1525 nell'accez. 2a;


1a. s.f. CO modulazione della voce prima di una pausa nel parlato o nel canto | TS metr. clausola al termine di un periodo, di un verso o di una strofa | TS mus. formula melodica o armonica che conclude un brano musicale o una sua parte
1b. s.f. CO estens., inflessione tipica dei dialetti o del modo di parlare di alcune persone: la cadenza piemontese, genovese, una cadenza lamentosa
2a. s.f. CO andamento ritmico di un ballo, di una marcia e sim.: dare la cadenza, perdere la cadenza | TS sport ritmo impresso a una prestazione sportiva: la cadenza della voga
2b. loc. di comando TS milit. ordine di battere tre volte il piede destro per regolare il ritmo di marcia: passo!, passo!, cadenza! | s.f., l’ordine stesso: eseguire la cadenza
3a. s.f. CO estens., frequenza regolare: il conto arriva a cadenza fissa
3b. s.f. TS cinem. la frequenza al minuto con cui i fotogrammi passano nella fessura di una macchina da presa o di proiezione
4. s.f. TS mus. passaggio di bravura inserito in un brano dall’autore o improvvisato dall’interprete
5. s.f. TS abbigl. linea cadente di un vestito femminile ottenuta portando la ricchezza della stoffa al di sotto del punto vita
6. s.f. BU inclinazione dell’asse di una ruota di un veicolo
7. s.f. OB desinenza
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità