cancellare

can|cel||re
v.tr.
1280; lat. cancĕllāre propr. “chiudere con una grata”, poi “cancellare uno scritto”, perché per annullare uno scritto vi si facevano sopra dei segni simili a grate, der. di cancelli “grata, cancellata”.


FO
1a. eliminare uno scritto o un disegno o una loro parte facendolo sparire con la gomma, il bianchetto, la scolorina o rendendo indistinguibile con segni di penna
1b. ripulire una superficie da uno scritto, da un disegno: cancellare la lavagna | estens., rovinare, deteriorare: l’umidità ha cancellato parte dell’affresco, il tempo ha cancellato l’iscrizione
1c. estens., cassare, depennare: cancellare un nome da una lista; cancellare dalla memoria, dalla mente, dimenticare | estinguere: cancellare un debito | annullare; cancellare un volo, cancellare un appuntamento: disdire
2. TS inform. eliminare l’indirizzo che permette di accedere a un’informazione
3. OB chiudere con una grata, con un cancello
4. OB incrociare le gambe o le braccia

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità