castigamatti

ca|sti|ga|màt|ti
s.m.inv.
1514; comp. di castiga-, vd. castigare, e del pl. di 1matto.


OB bastone un tempo usato nei manicomi per tenere a bada i pazzi furiosi | CO fig., scherz., persona in grado di ridurre all’ordine o alla ragione anche i più ribelli: il professore è un vero castigamatti
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.