cavillo

ca|vìl|lo
s.m.
1570; dal lat. tardo cavĭllu(m) “motteggio, scherzo pungente” poi “cavillo”, di orig. incerta.


1. CO argomento sottile e capzioso, usato per trarre in inganno gli altri: ricorrere a cavilli, cercare cavilli | clausola capziosa: un contratto di vendita pieno di cavilli; cavillo burocratico, condizione o norma sottilmente congegnata che costituisce un impedimento, un impaccio | BU estens., inganno, raggiro
2. TS ceram. => cavillamento
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.