1cera

|ra
s.f.
av. 1290; lat. cēra(m), cfr. gr. kērós.


1a. AD sostanza molle e giallastra prodotta dalle api per costruire i favi, plasmabile al calore, usata per fare candele, cosmetici, ecc.: cera d’api, candele di cera, statua di cera, cera fusa | essere molle, malleabile come la cera, molto malleabile; fig., di qcn., molto arrendevole, facilmente influenzabile | struggersi come la cera, sciogliersi molto velocemente; fig., di qcn., deperire rapidamente a causa di una malattia o di una forte passione
1b. TS chim. ogni tipo di lipidi naturali non polari con proprietà fisiche o chimiche simili alla cera d’api; prodotto artificiale industriale composto gener. di esteri di acidi grassi superiori, alcoli a lunga catena e idrocarburi saturi
1c. CO prodotto a base di cere naturali o artificiali usato per lucidare i pavimenti o i mobili in legno: cera da, per pavimenti, cera per mobili, cera liquida, in pasta, dare, passare, tirare la cera
2. CO statua, calco in cera: le cere del museo Madame Tussaud
3. OB candela, torcia
4. OB tavoletta incerata usata nell’antichità per scrivere
5. LE il corpo umano o le cose terrene, in quanto subiscono l’influenza del sole e degli astri: la lucerna del mondo… la mondana cera | più a suo modo tempera e suggella (Dante)
6. TS ornit. => ceroma

Polirematiche

cera bianca
loc.s.f.
TS industr.
c. vergine purificata e candeggiata, usata spec. come ammorbidente di unguenti
cera da scarpe
loc.s.f.
CO
lucido da scarpe
cera molle
loc.s.f.
TS arte
tecnica di incisione simile all’acquaforte
cera pura
loc.s.f.
OB
cera vergine
cera vegetale
loc.s.f.
TS chim.
sostanza insolubile secreta da molte specie di piante, simile alla cera animale per la presenza di acidi grassi e alcoli superiori, ampiamente utilizzata per scopi industriali
cera vergine
loc.s.f.
CO
c. ricavata direttamente fondendo e filtrando i favi delle api
di cera
loc.agg.inv.
CO
pallidissimo, cereo: mani, viso di cera; essere, farsi di cera
fusione a cera persa
loc.s.f.
TS tecn.
metodo per fondere oggetti di metallo, spec. oggetti d’arte, che consiste nel modellare l’oggetto di cera su un nucleo di argilla e ricoprirlo con uno strato di terra refrattaria in modo che la cera si fonda e fuoriesca formando un incavo che costituisce lo stampo da cui si ricava l’oggetto stesso
museo delle cere
loc.s.m.
CO
esposizione di statue in cera di personaggi famosi o di oggetti celebri | fig., iron., riunione di persone vecchie e dalle idee antiquate: l’ultima riunione del circolo sembrava il museo delle cere
palma da, della cera
loc.s.f.
TS bot.com.
pianta del genere Mirica (Myrica cerifera), con frutti ricoperti da uno strato di cera
tirare a cera
loc.v.
CO
rendere particolarmente lucido un pavimento usando la cera o un prodotto specifico
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità