cero

|ro, cè|ro
s.m.
1ª metà XIII sec; der. di 1cera, cfr. lat. cereus.

CO
1. grossa candela di cera, usata spec. per scopi liturgici: cero votivo, quello acceso per adempiere a un voto; dritto come un cero, di persona rigida e impettita; pallido come un cero, molto pallido
2. estens., grande e pesante costruzione di legno o cartapesta, portata in processione durante alcune feste religiose: la festa dei ceri di Gubbio

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità