cesura

ce|ṣù|ra
s.f.
1529; dal lat. caesūra(m) propr. “taglio”, der. di caedĕre “tagliare”, cfr. gr. tomḗ.


1. TS metr. nella metrica classica, pausa ritmica all’interno di un piede e di un verso, provocata dalla fine di una parola | nella metrica accentuativa, pausa all’interno di un verso che coincide con la fine di una parola: cesura fissa, mobile
2. TS mus. breve sosta al termine di una frase musicale o di un inciso
3. BU fig., pausa, interruzione

Polirematiche

cesura debole
loc.s.f.
TS metr.
nella metrica classica, cesura che si trova dopo il tempo debole del piede
cesura eftemimera
loc.s.f.
TS metr.
nella metrica classica, cesura che cade dopo il settimo mezzo piede
cesura forte
loc.s.f.
TS metr.
nella metrica classica, cesura che si trova dopo il tempo forte del piede
cesura pentemimera
loc.s.f.
TS metr.
nella metrica classica, cesura che cade dopo la lunga del terzo metro nell’esametro dattilico e dopo l’ancipite del secondo metro nel trimetro giambico
cesura tritemimera
loc.s.f.
TS metr.
nella metrica classica, cesura che, nell’esametro, cade dopo il terzo tempo lungo, cioè a metà del secondo piede
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.