ciglio

|glio
s.m.
av. 1306; lat. cĭlĭu(m) “palpebra”.


AU
1. spec. al pl., ciascuno dei peli ricurvi disposti sul bordo della palpebra a protezione dell’occhio: battere le ciglia | estens., il bordo stesso della palpebra
2a. estens., sopracciglio: aggrottare le ciglia
2b. LE fig., sguardo: poi ch’innalzai un poco più le ciglia | vidi ’l maestro di color che sanno (Dante)
3. TS biol. spec. al pl., sottilissimo filamento che si muove con vibrazioni ritmiche, connesso alla superficie di alcune cellule e microrganismi: ciglia vibratili
4. TS bot. spec. al pl., ciascuno dei peli sottilissimi disposti intorno ad alcuni organi: ciglia delle foglie, dei petali
5. TS ornit. piccola appendice delle barbule degli uccelli
6. AU margine, bordo esterno: ciglio della strada, del burrone

Polirematiche

a ciglio asciutto
loc.avv.
CO
senza piangere.
alzare le ciglia
loc.v.
LE
insuperbirsi: e contra ‘l suo fattore alzò le ciglia (Dante)
in un batter di ciglio
loc.avv.
CO
in un batter d'occhio
non battere ciglio
loc.v.
CO
restare impassibile
senza batter ciglio
loc.avv.
CO
restando impassibile: ascoltò le accuse di lei senza batter ciglio
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità