clamidia

cla||dia
s.f.
1984; dal lat. scient. Chlamydĭa, der. del gr. khlamús, -údos “mantello”, per la forma che assume nella cellula ospite.

TS biol.
batterio incapace di vivere fuori delle cellule di cui è parassita , causa di alcune malattie infettive ma sensibile a trattamento antibiotico
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.