colendo

co|lèn|do
agg.
av. 1600; dal lat. colĕndu(m), gerund. di colĕre “onorare, venerare”.


LE degno di ossequio, di riverenza; anche scherz.: ma, padre Cristoforo, padron mio colendissimo… lei vorrebbe mandare il mondo sottosopra (Manzoni)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.