conciliabolo

con|ci|lià|bo|lo
s.m.
sec. XIV; dal lat. conciliabŭlu(m), der. di concilium “riunione, adunanza”.


1. CO riunione segreta o appartata, spec. per discutere di cose illecite o misteriose: un conciliabolo di ladri, di cospiratori | estens., luogo in cui tale riunione ha luogo
2. TS eccl. concilio di prelati eretici o scismatici
3. TS stor. nell’Italia di epoca romana: luogo dove si celebravano feste religiose, o venivano lette le leggi e gli ordini dei magistrati
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.