conversazione

con|ver|sa|zió|ne
s.f.
ca. 1274 nell'accez. 4; dal lat. conversatiōne(m), v. anche conversare.

FO
1. il conversare; dialogo, colloquio tra due o più persone, spec. su temi non impegnativi e in tono informale: una conversazione piacevole, noiosa, in questa compagnia la conversazione langue, stasera non avevo voglia di partecipare alla conversazione, fare un po’ di conversazione; tenere conversazione, tenere salotto, ricevere gente allo scopo di discutere piacevolmente; è una persona dalla conversazione brillante, arguta, spigliata; andare a conversazione di inglese, fare un’ora di conversazione in tedesco; conversazione telefonica: quella che avviene per mezzo del telefono: conversazione urbana, interurbana
2. breve discorso su un argomento specifico, tenuto in un linguaggio accessibile, senza eccessi di scientificità: tenere una conversazione alla radio, in un circolo culturale
3. al pl., titolo di opere che raccolgono saggi, note, divagazioni di un autore: le "Conversazioni critiche" di Benedetto Croce
4. BU circolo di conversatori, cerchia di persone che si frequentano abitualmente
5. TS dir.intern. incontro informale tra personalità od organi internazionali, per scambio di opinioni
6. LE familiarità, dimestichezza: sanza conversazione o familiaritade impossibile è a conoscere li uomini (Dante)
7. BU comunità di persone che appartengono allo stesso circolo, anche allo stesso ordine religioso
8. OB convivenza
9. OB condotta, comportamento

Polirematiche

lingua della conversazione
loc.s.f.
CO
l. di uso quotidiano
manuale di conversazione
loc.s.m.
CO
m. che contiene le espressioni di uso comune nel parlare quotidiano di una lingua straniera, realizzato per facilitare la conversazione con chi parla tale lingua
sacra conversazione
loc.s.f.
TS arte
rappresentazione iconografica della Madonna con bambino e santi in un’atmosfera semplice e cordiale, caratteristica della pittura veneta a partire dal Quattrocento
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità