covare

co||re
v.tr., v.intr.
2ª metà XIII sec; lat. cŭbāre “stare disteso”.


AD
1. v.tr., di uccelli e altri animali ovipari, tenere sotto il proprio corpo le uova per trasmettere loro la temperatura necessaria allo sviluppo dell’embrione e alla nascita dei piccoli: i canarini covano le uova; ass., la chioccia ha incominciato a covare; estens., covare i pulcini, i piccoli, tenerli al caldo sotto le ali quando sono ancora implumi
2. v.tr., fig., proteggere, custodire gelosamente: spesso le madri covano troppo i figli, l’avaro cova il suo tesoro
3. v.tr., nutrire in segreto dentro di sé: covare un sospetto, un dubbio, una speranza; covava un odio feroce verso suo fratello
4. v.tr., con riferimento a una malattia, avere in incubazione: la febbre mi è venuta oggi, ma probabilmente la covavo già da qualche giorno
5a. v.intr. (avere) CO stare nascosto, annidarsi: una tremenda insicurezza covava nel suo animo, il male covava da tempo nel suo corpo; fig., scherz., qui gatta ci cova, qui c’è sotto un mistero
5b. v.intr. (avere) CO di fuoco, incendio: restare latente, mantenersi senza divampare: il fuoco cova sotto la cenere
6. v.intr. (avere) OB stare acquattato
7. v.intr. (avere) OB di acqua ferma, stagnare

Polirematiche

covare con gli occhi
loc.v.
CO
guardare fissamente con amore, desiderio, compiacenza: covava con gli occhi la fidanzata
covare il fuoco
loc.v.
BU
stargli vicino per godere il caldo
covare sotto la cenere
loc.v.
BU
di un sentimento e sim., essere vivo nell’animo di chi lo prova, pur non essendo manifestato apertamente: l’odio covava sotto la cenere.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.