dappoiché

dap|poi|ché
cong.
av. 1294; dalla loc. da poi che.


LE
1. da quando, dopo che: da poi che Carlo tuo, bella Clemenza, | m’ebbe chiarito, mi narrò gli inganni | che ricever dovea (Dante)
2. dal momento che, poiché: dappoiché ho inteso che Vostra Signoria illustrissima si truova ancora in Fiorenza, ho creduto ch’io non dovessi almeno dubitar del suo favore (Tasso)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.