1dativo

da||vo
s.m.
av. 1364; dal lat. datīvu(m) sott. casu(m) “caso”, der. di dăre, cfr. sup. datum, cfr. gr. dotikḗ ptôsis.

TS gramm., ling.
caso della declinazione che in latino indica generalmente la destinazione o l’obiettivo di un’azione e il vantaggio o il danno che derivano al destinatario dell’azione , ed è generalmente rappresentato in italiano dal complemento di termine; anche agg.: caso dativo

Polirematiche

dativo di interesse
loc.s.m.
TS gramm.
=> dativo etico
dativo di vantaggio
loc.s.m.
TS gramm.
d. che indica la persona a vantaggio della quale torna l’azione espressa dal verbo
dativo etico
loc.s.m.
TS gramm.
d. che esprime l’interesse del soggetto per la persona o la cosa cui la frase si riferisce
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità