decenza

de|cèn|za
s.f.
av. 1348; dal lat. decĕntĭa(m), der. di decens, -entis “decente”, cfr. gr. euprépeia.


CO convenienza, decoro, pudore rispetto alle esigenze etiche della collettività: parlare, comportarsi, vestirsi con decenza

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.