1decimo

|ci|mo
agg.num.ord., s.m.
1282; dal lat. dĕcĭmu(m), der. di decem “dieci”.

AU
1. agg.num.ord. , che in una serie, in una progressione occupa il posto corrispondente al numero dieci (rappresentato da 10° nella numerazione araba e da X in quella romana): il decimo giorno del mese, la decima invitata alla festa, arrivare decimo in una gara, mettersi al decimo posto della fila; anche s.m.: il decimo della lista, della graduatoria
2. agg.num.ord. BU , posposto a nome di sovrano o di papa, indica il posto da lui occupato nella serie di coloro che hanno portato lo stesso nome: Luigi X il litigioso | il decimo secolo, gli anni dal 1° gennaio 900 al 31 dicembre 999 | serve a costruire altri agg.num.ord.: decimoprimo, undicesimo
3. s.m. TS fin. nelle società per azioni, decima parte del valore scritto su ogni azione
4. s.m. CO ognuna delle dieci parti uguali in cui è suddivisibile un intero: una frazione di un decimo; anche agg.: la decima parte
5a. s.m. TS med. in oculistica, misura dell’acuità visiva di ogni singolo occhio, riferita a un massimo di 10: ha, le mancano quattro decimi all’occhio sinistro
5b. s.m. TS med. nei termometri clinici, un decimo di grado: avere qualche decimo di febbre
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità