degnare

de|gnà|re
v.tr. e intr.
av. 1250 nell'accez. 2; lat. dĭgnāre, v. anche degno.

CO
1. v.tr. CO reputare degno, concedere giudicando degno: lo degnò di un saluto, degnami almeno di una risposta, non mi ha degnato di uno sguardo
2. v.intr. LE (avere) acconsentire a compiere qcs. giudicato inferiore alla propria dignità: alla mia povera casa venute siete, dove, mentre che ricca fu, venir non degnaste (Boccaccio)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità