diciassette

di|cias|sèt|te
agg.num.card.inv., s.m.inv., s.f. pl.
1259; loc. lat. dĕce(m) ac sĕpte(m) propr. “dieci e sette”, sostitutiva di septendecim.

CO
1. agg.num.card.inv. , che è pari a una decina e sette unità (nella numerazione araba rappresentato con 17, in quella romana con XVII): la città dista circa diciassette chilometri | come componente di numeri: diciassettemila, millediciassette | con sost. sott.: saranno premiati i primi diciassette, ne ha appena compiuti diciassette, diciassette anni
2. agg.num.card.inv. , posposto a determinati sost. con valore di num.ord.: diciassettesimo: pagina, capitolo diciassette, suonare all’interno diciassette | con il sost. sottinteso: vediamoci al diciassette di corso Marconi
3. s.m.inv. , numero pari a dieci più sette: diciassette è un numero primo, il diciassette porta iella | il segno che rappresenta tale numero
4. s.m.inv. , il diciassettesimo giorno del mese: compie gli anni il diciassette; venerdì diciassette, scherz., giorno particolarmente sfortunato | il diciassettesimo anno di un secolo: è morto nel diciassette, nel 1917
5. s.f.pl. CO le ore cinque del pomeriggio: lavorano dalle nove del mattino alle diciassette; anche agg.inv.: sono le ore diciassette
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità