difficile

dif||ci|le
agg., s.m.
sec. XIV; dal lat. diffĭcĭle(m), comp. di dis- con valore privat., e facilis “facile”.


FO
1. agg., che richiede abilità, attenzione, fatica: un’impresa, un compito difficile, questione difficile da risolvere, difficile a dirsi, difficile a farsi
2. agg., complicato, oscuro, arduo da comprendere: concetto, testo difficile
3. agg., complesso, critico, pieno di disagi: affrontare una situazione difficile, questi sono tempi difficili, sta attraversando un momento difficile
4a. agg., di qcn.: intrattabile, polemico, che complica le situazioni con falsi problemi: è una persona difficile; di carattere, scontroso, intrattabile | di qcn., esigente, incontentabile, schizzinoso: è di gusti difficili, un pubblico difficile; anche s.m.: non fare il difficile!, fare sempre il difficile
4b. agg., di bambino o ragazzo, che presenta disposizioni psichiche anomale, più o meno gravi, tali da richiedere un’educazione o un’assistenza particolari
5. agg., malagevole da percorrere, pericoloso: sentiero difficile
6. agg., poco probabile: è difficile che si riesca ad arrivare in tempo
7. s.m., difficoltà specifica, problema: qui sta il difficile, il difficile sta nel dimostrare che quel che dici è vero

Polirematiche

farla difficile
loc.v.
CO
colloq., addurre continui pretesti per far ritenere qcs. più difficile di quanto in realtà non sia: ma quanto la fai difficile!
rendere la vita difficile
loc.v.
CO
tormentare, assillare: gli impegni mi stanno rendendo la vita difficile
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità