dimettere

di|mét|te|re
v.tr.
sec. XIII nell'accez. 2; dal lat. dimĭttĕre propr. "mandare qua e là", v. anche mettere.


 AU 
1. lasciare andare, rimettere in libertà, spec. carcerati o ricoverati in ospedale: dimettere un malato dopo la cura
2. allontanare da una carica, deporre, licenziare: dopo lo scandalo, il dirigente è stato dimesso
3. LE concedere, permettere: se tu avessi… atteso alla cagion perch’io guardava | forse m’avresti ancor lo star dimesso (Dante)
4. BU mettere da parte, dimenticare
5. OB perdonare, rimettere

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità