discrezione

di|scre|zió|ne
s.f.
2ª metà XIII sec; dal lat. discretiōne(m), cfr. sup. lat. discretum, v. anche discernere.

CO
1. la facoltà di discernere, di giudicare autonomamente, avvedutezza; anni, età della discrezione, in cui si raggiunge la capacità di discernere
2. la facoltà di scegliere; piena libertà, arbitrio: decidere secondo la propria discrezione, essere alla discrezione di terzi
3a. senso della misura: mi rimetto alla sua discrezione, chiedere sì, ma con discrezione
3b. riservatezza, tatto: conto sulla vostra discrezione, una persona di provata discrezione
4. TS ling. => deglutinazione

Polirematiche

a discrezione
loc.agg.inv.
CO
loc.avv. CO a propria scelta, a piacere, a volontà: c’era da mangiare a discrezione, bibite a discrezione; aggiungere pepe a d.
arrendersi a discrezione
loc.v.
BU
a. senza condizioni.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità