1disposizione

di|spo|ṣi|zió|ne
s.f.
1ª metà XIII sec; dal lat. dispositiōne(m), v. anche disporre, cfr. sup. lat. dispositum.


FO
1. il disporre, il disporsi e il loro risultato; il modo, l’ordine in cui qcn. o qcs. è disposto: la disposizione delle stanze in un appartamento, degli invitati a tavola, dei banchi in un’aula
2. stato d’animo nei confronti di qcs. o qcn.: essere in una cattiva, buona, favorevole, sfavorevole disposizione d’animo; non sono nella disposizione adatta per scherzare | estens., intenzione: nonostante le sue buone disposizioni, l’affare è andato in fumo
3a. inclinazione, predisposizione: avere disposizione per la musica, per lo studio
3b. TS med. tendenza a contrarre determinate malattie o affezioni: disposizione alle malattie virali
4. FO norma, prescrizione: attenersi alle disposizioni, dare, impartire disposizioni; una disposizione di legge | volontà, decisione: le disposizioni del donatore, del defunto
5. OB LE condizione, stato: la città di Faenza … in miglior disposizion ritornò (Boccaccio)
6. TS ret. nella retorica classica, ordinamento appropriato delle parti e degli argomenti all’interno di un discorso
7. TS tipogr. => 2deponente
8. TS ling. => costrutto

Polirematiche

avere a disposizione
loc.v.
CO
poter impiegare secondo la propria volontà o necessità, poter disporre di qcn. o qcs.: oggi hai a disposizione l’auto
collocamento a disposizione
loc.s.m.
TS dir.amm.
provvedimento con cui il governo esonera per ragioni di servizio, dalle sue funzioni un alto funzionario del ministero degli esteri o degli interni.
disposizione con ripetizione
loc.s.f.
TS mat.
nel calcolo combinatorio, d. in cui, in un gruppo ordinato, un elemento può essere ripetuto più volte
disposizione patologica
loc.s.f.
TS med.
attitudine di un organismo a risentire degli effetti dannosi di una determinata causa nociva dipendente da fattori acquisiti o ereditari
disposizione testamentaria
loc.s.f.
TS dir.
clausola del testamento attraverso la quale il testatore dispone dei propri beni
disposizioni semplici
loc.s.f.pl.
TS mat.
nel calcolo combinatorio, gruppi di k oggetti distinti che si possono formare dati n oggetti, con k minore di n, in modo che due gruppi qualsiasi differiscano fra loro almeno per un oggetto oppure per l’ordine con cui gli oggetti sono disposti.
mandato a disposizione
loc.s.m.
TS fin.
ordine di accredito di una somma emesso da un ente pubblico a favore di un funzionario in possesso della delega a disporre della somma mediante l’emissione di buoni a favore dei creditori dell’azienda
mettere a disposizione
loc.v.
CO
dare la possibilità di usare, offrire: ti metto a disposizione la mia camera
mettersi a disposizione
loc.v.
CO
offrire a qcn. la propria disponibilità di tempo, mezzi e sim.: mi metto a tua disposizione
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità