distinguo

di|stìn|guo
s.m.inv.
1869; dal lat. distĭnguo, 1ª pers. sing. dell’ind. pres. di distinguĕre “distinguere”.


1. TS filos. formula che nei testi della filosofia scolastica introduceva un’argomentazione basata su una distinzione
2. CO estens., distinzione sottile e precisa; spesso spreg., distinzione cavillosa, argomentazione pedante: con tutti i suoi distinguo non ci fa mai concludere nulla
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità