drizzare

driz||re
v.tr., v.intr.
av. 1276; propr. var. di dirizzare.


AD
1. v.tr., rendere dritto: drizzare un tubo, un ferro, un chiodo
2a. v.tr., mettere in posizione verticale: drizzare un palo, una scala, un’antenna
2b. v.tr., costruire una struttura verticale: drizzare un muro
3. v.tr., di animali, sollevare, rendere irto il pelo per paura o minaccia: il gatto drizzò il pelo miagolando
4. v.tr. BU rivolgere, indirizzare verso qcs.: drizzare gli occhi, lo sguardo; anche fig.: drizzare la mente, il pensiero
5. v.tr. BU fig., correggere, raddrizzare
6. v.tr. OB rimettere in ordine, riassettare
7. v.tr. OB disporre, predisporre
8. v.intr. (avere) TS mar. manovrare le drizze

Polirematiche

drizzare gli orecchi
loc.v.
CO
drizzare le orecchie
drizzare il corso
loc.v.
LE
volgersi, dirigersi
drizzare il volto
loc.v.
LE
badare: a voce più ch’al ver drizzan li volti (Dante)
drizzare le antenne
loc.v.
CO
drizzare le orecchie.
drizzare le orecchie
loc.v.
CO
prestare attenzione, ascoltare attentamente
far drizzare i capelli
loc.v.
CO
far rizzare i capelli
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità