durezza

du|réz|za
s.f.
av. 1250; lat. durītĭa(m), v. anche 1duro.

CO
1a. l’essere duro: durezza di un giaciglio, di un terreno
1b. resistenza di un materiale solido alla scalfittura, all’abrasione, alla penetrazione e alle deformazioni: la durezza di un metallo, del legno, del diamante
2a. BU fig., asprezza, rigidezza nel comportamento, nel modo di esprimersi o nell’aspetto: durezza di carattere, durezza del volto, dell’espressione | severità, intransigenza: il direttore è temuto per la sua durezza, trattare qcn. con durezza | crudeltà, cattiveria, insensibilità: durezza di cuore | ostinazione, caparbietà
2b. CO rigidità del clima: la durezza dell’inverno
3. CO fig., difficoltà, faticosità: un lavoro di particolare durezza
4. CO fig., mancanza di delicatezza, di grazia: durezza di lineamenti, di forme, di colori
5. TS chim. concentrazione nell’acqua di sali di calcio e di magnesio, dalla quale dipende la capacità di formare incrostazioni e di impedire al sapone di fare schiuma
6. TS mar. reazione violenta che una nave può opporre alle azioni inclinanti a causa di particolari caratteristiche strutturali, come la larghezza eccessiva della carena o un baricentro troppo basso
7. TS mus. nelle composizioni del XVI e XVII sec., abbellimento simile all’appoggiatura
8. TS bot. difficoltà del seme a germinare
9. TS fis. capacità delle radiazioni elettromagnetiche o corpuscolari di penetrare attraverso un materiale
10. TS equit. di un cavallo, scarsa sensibilità al morso
11. BU oscurità di significato

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità