entro

én|tro
prep., avv.
av. 1292; lat. ĭntro, da *interus “entro”.


I. prep.
I 1. FO con determinazioni di tempo: in, prima del passare di: entro tre giorni, entro l’anno, entro la scadenza fissata
I 2. LE con determinazioni di luogo: dentro, all’interno di: entro le mura, rar. seguito dalla prep. a: entro al mio cuore | preceduto dalla prep. da: d’entro le leggi trassi il troppo e ’l vano (Dante) | preceduto dalla prep. per, attraverso: per entro i luoghi tristi | venni stamane (Dante); anche seguito dalle prep. a o di: per entro alle città, per entro delle stanze
I 3. LE seguito da in, proprio in: entro in quel punto
I 4. LE tra, in mezzo a: ti porranno le mani entro le chiome; | strapperanti il diadema (Foscolo)

II. avv. LE dentro, all’interno: ma lo spirto ch’iv’entro si nasconde (Petrarca); come complemento di moto a luogo fig., preceduto dalla prep. in: volgere in entro

Polirematiche

entro certi limiti
loc.avv.
CO
in misura relativa, parziale: un problema risolvibile entro certi limiti | restare entro certi limiti: non andare oltre certe regole di convenienza
qua entro
loc.avv.
LE
in questo luogo: dirotti … | perch’i non temo di venir qua entro (Dante); di qua entro: di questo luogo: ascoltare se i frati di qua entro … alle debite ore cantino (Boccaccio)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.