equivoco

e|quì|vo|co
agg., s.m.
av. 1498; dal lat. tardo aequĭvŏcu(m), comp. di aequi- “equi-” e del tema di vocāre “chiamare, nominare”, cfr. gr. homónumos.


1a. AU agg., che si può interpretare in modi diversi; ambiguo: segnali, parole equivoche
1b. agg. TS log. nella logica aristotelica: di cose, che hanno lo stesso nome, ma definizioni diverse
1c. agg. TS log. nella logica terministica: di un segno, che ha diversi significati
2a. agg. AU che si comporta in modo sospetto, poco chiaro | di dubbia moralità: individuo, comportamento equivoco
2b. agg. AU malfamato: locale equivoco
3a. s.m. AU interpretazione sbagliata, malinteso: non devono esserci equivoci fra noi; chiarire, spiegare un equivoco; situazione poco chiara che consegue a un malinteso: cerchiamo di uscire dall’equivoco
3b. s.m. OB doppio senso; parola con diversi significati

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.