erede

e||de
s.m. e f.
2ª metà XIII sec; dal lat. herēde(m), di orig. incerta.


AU 
1. chi dopo la morte di una persona ne acquista in tutto o in parte beni, diritti e obblighi: nominare un erede
2. scherz., fam., il primo figlio: aspettare un erede, è arrivato l’erede
3. fig., continuatore di attività, tradizioni e sim.


Polirematiche

erede al trono
loc.s.m. e f.
CO
chi è destinato a succedere al sovrano regnante
erede apparente
loc.s.m. e f.
TS dir.
chi possiede i beni di un’eredità e si comporta come erede senza esserlo
erede legittimo
loc.s.m.
TS dir.
e. designato dalla legge, in mancanza di testamento
erede presunto
loc.s.m.
TS dir.
colui che sarebbe erede legittimo o testamentario di una persona scomparsa se questa fosse morta nel giorno a cui risalgono le sue ultime disposizioni
erede spirituale
loc.s.m. e f.
CO
chi continua o elabora ulteriormente idee e attività di un politico, un filosofo, un artista e sim.
erede testamentario
loc.s.m.
TS dir.
chi viene designato erede dal testamento
erede universale
loc.s.m. e f.
TS dir.
chi eredita l’intero patrimonio
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.