eroe

e||e
s.m.
1532; dal lat. herōe(m), dal gr. hērōs.


1. TS mitol. nel mito classico, semidio dotato di eccezionali virtù e autore di gesta prodigiose
2a. FO estens., chi dà prova di straordinario coraggio e generosità; chi si sacrifica per un ideale: eroe di guerra, morire, comportarsi da eroe
2b. FO personaggio principale di un’opera letteraria, musicale, cinematografica e sim.: l’eroe del racconto, del romanzo; il nostro eroe, in racconti e romanzi: formula con cui il narratore fa riferimento al protagonista dell’opera
2c. FO scherz., chi fa parlare di sé, chi è al centro dell’attenzione: l’eroe del giorno, del momento, della festa

Polirematiche

eroe antenato
loc.s.m.
TS st.relig.
e. che fonda una stirpe, un popolo ecc.
eroe culturale
loc.s.m.
TS mitol.
e. che fonda istituzioni civili o economiche
eroe da operetta
loc.s.m.
CO
chi si atteggia a eroe senza averne le qualità
eroe dei due mondi
loc.s.m.
TS stor.
per anton., solo sing., Giuseppe Garibaldi
eroe della sesta giornata
loc.s.m.
CO
scherz., con riferimento alle cinque giornate di Milano, chi si unisce ai vincitori quando il pericolo è già passato.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.