esimio

e|ṣì|mio
agg.
av. 1375; dal lat. exĭmĭu(m) propr. “messo da parte”, der. di eximĕre “esimere”.


CO
1. di notevoli qualità, egregio: un esimio studioso, opera esimia; iron.: un esimio ladrone, un esimio sconosciuto
2. spec. con iniz. maiusc., in formule di cortesia: E. professore, Esimi colleghi
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.