esule

è|ṣu|le
agg., s.m. e f.
av. 1498; dal lat. ĕxsŭle(m), di orig. incerta.


CO agg., s.m. e f., che, chi va in esilio o è in esilio, volontariamente o per condanna: andar esule, andare in esilio | agg. LE estens., solitario: esule contento | a voi rivolgo il piè (Parini) | agg. LE vagante: esuli larve (Foscolo)
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.