figura

fi||ra
s.f.
2ª metà XII sec. nell'accez. 4; dal lat. figūra(m), der. di fingĕre “plasmare, modellare”.


FO
1a. forma, aspetto esteriore di qcs.; sagoma: una figura quadrata, rotonda; una figura strana, inconsueta; osservare la figura della luna al telescopio | aspetto, fattezza del corpo umano: una figura magra, snella, sgraziata; avere una bella figura
1b. estens., la persona stessa, in rapporto alle caratteristiche che riassume in sé: una figura simpatica, interessante, strana; anche in rapporto al ruolo, alla funzione svolta: la figura dell’insegnante, la figura del dirigente in un’azienda | fig., personaggio storico o di un’opera letteraria narrativa, teatrale, ecc.: Garibaldi è stato una figura importante del Risorgimento italiano, le figure più significative del Rinascimento, la figura di Amleto
2a. immagine disegnata, dipinta o scolpita; illustrazione: un libro con, senza figure; una figura a colori, in bianco e nero; una figura di legno, di marmo, di terracotta (abbr. fig.) | nelle arti figurative, rappresentazione dipinta, scolpita o disegnata di un soggetto umano o animale: un paesaggio con alcune figure in primo piano, le figure di un affresco
2b. TS scol. nel liceo artistico, materia che insegna a riprodurre la figura umana dal vero: figura modellata, quella che insegna a riprodurre per mezzo di una scultura, figura disegnata, quella che insegna a riprodurre per mezzo di un disegno
3a. CO immagine, rappresentazione simbolica o allegorica: la colomba è la figura della pace
3b. TS filos., teol. nella concezione medievale: realtà terrena che prefigura simbolicamente un’entità o un valore ultraterreno
4. FO modo in cui qcn. o qcs. si mostra; apparenza, parvenza: sta lì solo per figura, mettere un fiore all’occhiello per figura, per ornamento, a scopo decorativo; fare una brutta, una cattiva figura, suscitare negli altri un’impressione negativa; fare una bella figura, sucitare un’impressione positiva; anche antifr.: hai fatto proprio una bella figura! | fare la figura di, seguito da un sostantivo o da un aggettivo, apparire, sembrare: ha fatto la figura dello sciocco, dell’ignorante, dell’avaro | in espressioni esclamative, per indicare un’impressione negativa, un comportamento imbarazzante: che figura!, immagina la figura che ho fatto!; anche antifr.: che bella figura!
5. TS ret. => figura retorica
6. TS geom. ogni insieme di punti, di linee o di superfici: costruire la figura di un parallelepipedo
7. TS log. nella logica formale: la forma che presenta il sillogismo a seconda della posizione del termine medio nelle due premesse
8. TS giochi nel gioco delle carte, ogni carta che raffigura un personaggio, come il re, la regina, il fante | negli scacchi, ogni pezzo superiore al pedone
9. TS sport nel pattinaggio artistico e sim., esercizio che può essere eseguito secondo schemi obbligatori o liberi | nella danza: posizione o serie di movimenti regolati da particolari leggi di cadenza, ritmo, ecc.: le figure del tango, del valzer
10. TS psic. nella teoria della percezione: l’organizzazione di un insieme di stimoli in un’unità figurale distinta dall’insieme di stimoli che costituiscono lo sfondo
11. TS fis. non com., aspetto particolare di un determinato fenomeno
12. TS arald. ciascuna delle immagini che formano lo scudo
13. TS mus. segno che indica l’altezza e la durata delle note
14. TS dir. tipo, specie: figura di processo
15. OB TS astron. costellazione

Polirematiche

a figura intera
loc.agg.inv.
CO
nelle arti figurative e nella tecnica cinematografica e televisiva, che rappresenta o inquadra la figura umana dalla testa ai piedi: un ritratto, un’inquadratura a figura intera; anche loc.avv.: dipingere, fotografare a figura intera
brutta figura
loc.s.f.
CO
figuraccia, gaffe.
di figura
loc.agg.inv.
CO
di bell’aspetto, che fa una bella impressione: un soprammobile di figura
fare bella figura
loc.v.
CO
avere successo, farsi apprezzare: con quella torta ha fatto una bella figura
fare brutta figura
loc.v.
CO
suscitare ilarità, biasimo o disprezzo negli altri: con quella piazzata ha fatto proprio brutta figura
fare figura
loc.v.
CO
avere un aspetto tale da destare ammirazione, figurare
fare una figura da cioccolataio
loc.v.
RE sett.
comportarsi in modo da attirarsi disapprovazione e critiche
fare una figura da peracottaro
loc.v.
DI roman.
dimostrarsi incapace; fare una figura meschina
figura barbina
loc.s.f.
CO
gaffe
figura di concetto
loc.s.f.
TS ret.
l’interrogazione retorica, l’apostrofe, l’aposiopesi, la prolessi, la licenza, la preghiera e altre simili modalità di organizzazione del complessivo contenuto del discorso (in lat. figurae sententiae) in rapporto al pubblico cui ci si rivolge e agli argomenti da trattare
figura di costrutto
loc.s.f.
TS ret.
f. retorica di carattere sintattico come ad es. l’iperbato e la sillessi
figura di parola
loc.s.f.
TS ret.
f. retorica che può essere per aggiunta, come ad es. l’anafora, l’antistrofe, ecc., o per sottrazione, come ad es. l’asindeto e altre trasposizioni (in lat. figurae elocutionis) che investono la forma delle parole in una frase
figura di pensiero
loc.s.f.
TS ret.
=> figura di concetto
figura etimologica
loc.s.f.
TS ret.
f. di parola per cui si accostano termini connessi fra loro etimologicamente (per es. vivere una bella vita) o per significato simile (per es. dormire un lungo sonno)
figura grammaticale
loc.s.f.
TS ret.
f. retorica di carattere grammaticale come lo zeugma, il metaplasmo, l’anacoluto
figura libera
loc.s.f.
TS sport
nel pattinaggio artistico, figura che il pattinatore può inserire a sua discrezione in un esercizio, spec. nel corso di una gara
figura obbligatoria
loc.s.f.
TS sport
nel pattinaggio artistico, figura fondamentale che il pattinatore deve obbligatoriamente eseguire in un esercizio, spec. nel corso di una gara
figura piana
loc.s.f.
TS geom.
insieme di punti contenuto in un piano e limitato da una linea chiusa
figura pseudoetimologica
loc.s.f.
TS ret.
procedimento stilistico per cui si accostano parole che hanno solo una somiglianza di forma esteriore
figura retorica
loc.s.f.
TS ret.
procedimento stilistico per cui vocaboli o costrutti, talvolta anche allontanandosi dal normale uso linguistico e grammaticale, sono adoperati in modo da rendere più efficace il discorso
figura semantica
loc.s.f.
TS ret.
particolare figura retorica che altera, spec. arricchendolo, il significato di una parola o di un’intera frase, come ad es. la metafora, la metonimia, la sineddoche e sim.
figura sintattica
loc.s.f.
TS ret.
particolare figura retorica che altera la struttura sintattica di una frase per aumentarne l’efficacia, come ad es. l’anacoluto, l’anafora, l’asindeto, ecc.
figura solida
loc.s.f.
TS geom.
f. che si sviluppa nello spazio
in figura
loc.avv.
TS ret.
velatamente, per metafore: parlare, esprimersi in figura; anche loc.agg.inv.: una narrazione in figura, allegorica.
mezza figura
loc.s.f.
CO
figura di secondo piano, persona mediocre, priva di personalità
punto figura
loc.s.m.
TS artig.
nel ricamo, punto che consiste in tese di filo colorato che vanno dal basso verso l'alto per tutto lo spazio da coprire
teatro di figura
loc.s.m.
TS teatr.
modo di recitare che si avvale dell’uso di oggetti, pupazzi, burattini, giocattoli e sim.
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.