gergo

gèr|go
s.m.
av. 1400; dal fr. ant. jergon, nella var. gargun.


1. CO TS ling. linguaggio fondato su trasformazioni convenzionali delle parole di una lingua o d’uno o più dialetti, con inserzioni di elementi lessicali esotici o di nuovo conio, usato da chi appartiene a determinati gruppi professionali, come ad es. girovaghi, o gruppi sociali, come ad es. sette religiose o politiche, malviventi, carcerati, ecc., allo scopo di garantire l’identità di gruppo e di non farsi intendere da coloro che ne sono estranei | CO estens., modo di parlare allusivo, oscuro, enigmatico
2. CO estens., modo speciale di usare una lingua tipico di certi ambienti o categorie: gergo giovanile, studentesco, gergo sindacale, burocratico, gergo medico, filosofico
Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità