godere

go||re
v.intr. e tr.
av. 1237; lat. gaudēre.

FO
I. v.intr. . v.intr. (avere)
1. OB provare grande soddisfazione, forte contentezza: godo al pensiero di partire per le vacanze | LE AU anche con l’ausiliare essere: in cotal guisa già l’antiche genti | si crede esser godute al secol d’oro (Poliziano)
2. AU provare intenso piacere: godo a mangiar bene, a dormire a lungo | colloq., raggiungere l’orgasmo
3. AU estens., condurre una vita dedicata ai piaceri, ai divertimenti | BU gozzovigliare
4. AU gioire di qcs., provare soddisfazione e benessere per qcs.: godo per la tua promozione | esultare, giubilare: godiamo, dunque, per la nostra vittoria!
5a. AU poter usufruire di qcs., beneficiarne per proprio piacere o utilità: godere di buona salute, di una buona reputazione; godere di un vantaggio, di un beneficio | di qcs., avere come caratteristica positiva: quella casa gode di un gran bel panorama
5b. TS dir. fruire di particolari benefici o utili; godere di un usufrutto, di una rendita, esserne titolare | dare a godere una proprietà, un bene e sim., cederlo ad altri, alienarlo
6. TS mat. di ente matematico, fruire di una proprietà: l’equivalenza gode delle proprietà riflessiva, simmetrica e transitiva
II. v.tr.
1. CO assaporare un bene spirituale o materiale, gustarlo: vorrei starmene a godere un po’ il sole, godere la pace di questo luogo
2. CO possedere qcs. per proprio vantaggio, avere: godere una buona rendita, un’ottima salute, una buona reputazione; godere poco credito avere pessima fama
3. BU possedere carnalmente: godere un uomo, una donna

Il dizionario di italiano dalla a alla z
pubblicità